Agriturismo Bosco Farneto « Indietro
Presenzano (Provincia di Caserta)


Indirizzo: Strada Vadopiano
Zona: Pianura
Cellulare: 337.945128
Sito web: http://www.boscofarneto.it/
Social network:
Coordinate GPS: 41.358942, 14.077265



 

Informazioni sulla struttura

L’azienda agricola Bosco Farneto è condotta in regime biologico. La coltura principale è quella del nocciolo, cui si affiancano un vigneto, un frutteto e un orto stagionale. L’accoglienza è sia per la ristorazione che per il pernottamento: piscina, campo di calcetto, parco giochi per bambini concorrono ad un sereno soggiorno.

Immerso nel verde, ai piedi dei primi contrafforti dell’Appennino e non lontano dal complesso vulcanico di Roccamonfina, è il punto di partenza ideale per scoprire l’Alto Casertano con i suoi paesaggi ed i suoi percorsi di arte, natura e gastronomia.

E' dalla località Bosco Farneto che prende il nome questo agriturismo situato a Presenzano, in provincia di Caserta e nato nel 2004. L’attività principale dell’azienda è la coltura del nocciolo in regime biologico (certificato AIAB fin dal 1997). 

In azienda vi sono ampi spazi a prato, a frutteto, a vigneto; un roseto che raccoglie rare varietà di rose antiche, vi condurrà in un viaggio di forme, colori e profumi. L’orto e la presenza di animali da cortile, elementi fondamentali per la ristorazione, sono occasione di incontrare realtà oramai lontane dalla nostra vita cittadina. 

Un parco giochi per i bambini, i campetti di calcio e di pallavolo e la piscina permettono di trascorrere serenamente il tempo. Potrete trascorre una giornata in compagnia di amici e parenti per festeggiare compleanni, battesimi, comunioni, anniversari e matrimoni in un’atmosfera che coniuga serenità e familiarità con raffinatezza. 

Vi è la possibilità di essere ospitati in camera doppia o tripla o quadrupla o in appartamento. Le camere prendono il nome dai gusti delle marmellate della vecchia azienda di famiglia: la “prugna”, la “pesca” , la “ciliegia”.

La ristorazione è caratterizzata da un’attenta rivisitazione della cucina campana e dall’uso dei prodotti di grande qualità e genuinità offerti dal nostro territorio. Pasta fatta in casa, i latticini ed i formaggi di primissima qualità, le carni (di bufalo, agnello, vitello, provenienti da allevamenti della zona), le verdure appena raccolte, i dolci indimenticabili: il tutto seguendo i ritmi delle stagioni. Potrete assaggiare e acquistare le nocciole, le marmellate (gelsi, more, pesche, cachi, cipolle, pomodori verdi e tante ancora) e le mele annurche.

Posti letto: 18

Attività

Giornate a tema vi permetteranno di partecipare alla vendemmia (con la pigiatura nel tino: divertimento per i bambini e “magico massaggio” per i più grandi), avvicinarvi alla nascita dell'olio extravergine di oliva, “dedicarvi” a degustazioni a tema: funghi, castagne, maiale vi aspettano in tavola. 

La Fattoria Didattica permette di svolgere percorsi educativi adatti sia ai più piccoli che ai ragazzi delle scuole superiori: la campagna offre stimoli e spunti per tutte le età! Durante la permanenza a Bosco Farneto è possibile partecipare in interessanti percorsi artistici e naturalistici.
Tra le tante mete ricordiamo il parco di Roccamonfina che si estende su una superficie di 11.000 ettari ed è il più antico apparato vulcanico della Campania. Tra boschi secolari di castagni e deliziosi borghi medievali, ci si perde in un’oasi di tranquillità. 

È possibile inoltre fare un interessante percorso di chiese romaniche. Tra le più importanti: Nostra Signora dei Lattani (nel parco di Roccamonfina), Sant'Angelo in Formis, tappa obbligata per gli studiosi dell'arte romanica per il vasto ciclo di affreschi conservati, Chiesa di San Nicola (Presenzano), la basilica di Calvi Risorta: L’edificio, in provincia di Caserta, è tra i meglio conservati ma tra i meno studiati della Campania interna. 

Caserta, alias la Piccola Versailles nel Regno di Napoli: in una delle più belle pianure d'Italia, la "Terra di Lavoro", Carlo di Borbone, Re del Regno delle Due Sicilie, incaricò l'architetto Luigi Vanvitelli di progettare una Reggia pulifunzionale, in grado di rappresentare magnificenza e grandezza, collocandolo nel più ampio progetto di riorganizzazione amministrativa dello Stato. I vari Borbone che si susseguirono al trono utilizzarono il palazzo per caccie, feste. Federinando II lo utilizzò come residenza. In estate è possibile visitarla di notte con i suggestivi “percorsi di luce”.

© Agrituristcampania.it - Corso Arnaldo Lucci, 137 - 80142 Napoli - C.F: 95131340630 - E-Mail: info@agrituristcampania.it - Realizzato da: Netpixel.it

Informazioni utili
» Chi siamo
» Contatti
» Notizie
» Links utili
» Diventa un associato
Agriturismi
» Avellino
» Benevento
» Caserta
» Napoli
» Salerno
Itinerari
» Avellino
» Benevento
» Caserta
» Napoli
» Salerno
Eventi
» Avellino
» Benevento
» Caserta
» Napoli
» Salerno
Prodotti tipici
» Avellino
» Benevento
» Caserta
» Napoli
» Salerno
Area riservata associati
Username
Password
 
» Dati smarriti? Clicca qui per recuperarli
Torna su